Dal 5 al 7 novembre a Milano torna l'hackathon organizzata da GARR e dall'Università degli Studi di Milano-Bicocca.

Questo sito utilizza cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Informativa Privacy  -  Cookie policy

Giuria


La giuria di Hack the Cloud ha il compito di valutare i progetti presentati durante l'hackathon ed assegnare i premi. Essa è composta da:

Claudio Ardagna
Università degli studi di Milano

Claudio A. Ardagna è professore associato presso il Dipartimento di Informatica dell'Università degli Studi di Milano. I suoi interessi di ricerca si concentrano principalmente nelle aree di sicurezza e privacy in cloud e IoT, security assurance e compliance, e Big Data analytics.
Nelle suddette aree, ha pubblicato più di 130 contributi in riviste internazionali, proceedings di conferenze/workshop e capitoli in libri.
E' co-autore del libro "Open Source Systems Security Certification" pubblicato da Springer. E' stato visiting scholar presso la Khalifa University e la George Mason University. E' co-fondatore di Moon Cloud, una spin-off dell'Università degli Studi di Milano che fornisce una piattaforma distribuita come servizio in cloud per la verifica di compliance e la governance di sicurezza di sistemi IT. E' IEEE senior member, ha ricevuto IFIP Silver Core Award, e la sua tesi di dottorato ha vinto l'ERCIM STM WG 2009 award for the best PhD thesis on security and trust management in a European University.

Dario Galli
Consoft

Dopo gli studi in Scienze dell’informazione condotti a Torino inizia a lavorare nel mondo dell’Information Technology presso alcuni system integrator, svolgendo attività di consulenza per importanti aziende italiane. Nel 1986, grazie all’esperienza maturata, fonda insieme ad altri soci Consoft Sistemi, società di servizi ICT che conta attualmente circa 400 dipendenti con sedi a Torino, Milano, Genova, Roma e Tunisi.

È attualmente amministratore delegato di Consoft Sistemi e responsabile della compliance.

Leonardo Mariani
Università di Milano-Bicocca

Leonardo Mariani è professore ordinario presso l'Università di Milano - Bicocca. I suoi interessi di ricerca includono l'ingegneria del software, il test e l'analisi del software, la riparazione automatica del software e i sistemi cloud e mobile.
Leonardo Mariani ha vinto l'ERC Consolidator Grant 2014, ed è attualmente il responsabile dei progetti ERC CoG “Learn” e ERC PoC 2018 AST project. Leonardo Mariani è anche il responsabile del progetto H2020 NGPaaS project che ha l'obiettivo di sviluppare soluzioni cloud per il dominio delle telecomunicazioni.
Leonardo Mariani ha ottenuto il proprio PhD in informatica dall'Università di Milano - Bicocca.
Leonardo Mariani è membro senior di IEEE.

Luciano Baresi
Luciano Baresi
Politecnico di Milano

Luciano Baresi è professore ordinario al Politecnico di Milano - Dipartimento di Elettronica, Informazione e Bioingegneria, dove ha conseguito sia la laurea (master) sia il dottorato in informatica. Luciano è stato professore ospite all'Università dell'Oregon (USA) e ricercatore all'Università di Paderborn (Germania). Luciano è stato presidente del programma per ICECCS02, FASE06, ICWE07, ICSOC09, SEAMS12 e ESEC / FSE13 e presidente generale per WICSA / CompArch16. È anche membro del comitato editoriale di ACM Transactions on Autonomous and Adaptive Systems, IEEE Transactions on Services Computing, EAI Endorseded Transactions on Cloud Systems, EPiC Series in Computer Science, Springer Requirements Engineering e International Journal of Cooperative Information Systems. Luciano è stato coautore di oltre 130 articoli. Alcuni dei suoi lavori sono apparsi su riviste / riviste di alto livello come ACM Transactions on Software Engineering and Methodology, IEEE Transactions on Software Engineering, IEEE Computer, IEEE Software e IEEE Internet Computing. I suoi interessi di ricerca riguardano l'ampia area dell'ingegneria del software. All'inizio era interessato agli approcci formali per i linguaggi di modellazione e di specifica, poi si è trasferito in UML e nella progettazione di applicazioni Web. Attualmente è interessato a sistemi distribuiti, applicazioni basate sui servizi e ai diversi aspetti dei sistemi software mobili, autoadattivi e pervasivi. La sua ricerca è sempre stata finanziata partecipando a progetti nazionali e internazionali. Tra questi, Luciano era responsabile delle attività del Politecnico per i seguenti progetti sostenuti dall'UE: MOMOCS, SLA @ SOI, MADES e Indenica.

Patrizia Scandurra
Università di Bergamo

Patrizia Scandurra è nata a Catania nel 1976. Ha conseguito la laurea (con lode) in Informatica presso l'Università di Catania il 26 Luglio 2002 e il Dottorato di Ricerca in Informatica presso la stessa università il 17 Marzo 2006.
Da Luglio 2006 a Dicembre 2008 è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Tecnologie dell'Informazione (DTI) dell'Università di Milano.
Da Gennaio 2009 a Settembre 2017 è ricercatore ING-INF/05 presso il Dipartimento di Ingegneria Gestionale dell'Informazione e della Produzione (DIGIP) dell'Università di Bergamo. Attualmente è Prof.ssa Associata presso lo stesso dipartimento, dove insegna corsi di programmazione/progettazione software e sistemi operativi.
Svolge la sua ricerca nell'ambito dell'Ingegneria del Software e, in particolare, nelle aree dei metodi formali per il design e l'analisi (validazione e verifica) dei sistemi software, architetture software e model-driven engineering. Tratta temi di ricerca che riguardano teorie, metodi e linguaggi di modellazione formali e semi-formali delle aree di ricerca menzionate sopra e la loro applicazione a classi di sistemi software come i sistemi distribuiti auto-adattativi, sistemi orientati ai servizi e al Cloud, applicazioni IoT e sistemi embedded su chip (SoC). Ha pubblicato oltre 80 articoli scientifici in riviste e conferenze internazionali del suo ambito. È un membro attivo della comunità del metodo formale Abstract State Machines (ASM). Ha partecipato e partecipa come revisore di articoli scientifici di riviste e conferenze e a diversi progetti di ricerca nell'ambito della modellazione e analisi di sistemi pervasivi, adattativi e sistemi embedded e robotici, collaborando con gruppi di R&I (research and innovation) di aziende come STMicroelectronics e Atego.